Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[AQ] Uno sguardo sul passato più remoto
#1
Elissa andò a dormire dolorante quella sera, dopo l'aggressione degli hobgoblin sul sentiero oscuro. Ma il vero tarlo che le rodeva dentro non era il dolore fisico, bensì una serie di pesanti dubbi. Dubbi che aveva cercato di ignorare negli ultimi anni... ma ora che il suo potere cresceva, aveva sempre più bisogno di una risposta, e presto.

Alan, l'arcanista, era stato chiaro: la magia di Elissa aveva origine da un "Patto" di un suo antenato con un'entità esterna, e quest'entità con ogni probabilità sarebbe un giorno venuta a bussare a chiedere pegno. Ed Elissa preferiva non farsi trovare impreparata a un incontro del genere.

Le aveva suggerito di iniziare da Myth Drannor per la sua ricerca. Elissa si preparò, pronta a partire il giorno stesso dopo la fine del torneo. Libri, ricerche, persone. Chiunque avrebbe potuto indirizzarla nella giusta direzione sarebbe andato bene. E non si sarebbe certo fermata di fronte a reticenza o tabù: scoprire il perché di tutto ciò che le era successo sin da quando era piccola, era ormai diventato fondamentale.
Alaion Qiric  Dodgy

Elissa Hartfield  Rolleyes
Cita messaggio
#2
(Aggiornamento: http://www.raccontidellevalli.eu/forum/s...p?tid=1525 )
Alaion Qiric  Dodgy

Elissa Hartfield  Rolleyes
Cita messaggio
#3
L'incontro in locanda, a Myth Drannor, era andato bene. Alan aveva ribadito di volerla aiutare, con grande piacere di lei. Gli altri tre presenti non si erano espressi. Isabella, la studiosa, sembrava saperne molto, ma non si era voluta sbilanciare.

Elissa quella sera andò a dormire con molte domande in più, le opinioni di tutti le avevano lasciato altri dubbi e incertezze a popolare la sua giovane mente.

Ma quanto meno ora il sentiero sembrava segnato, e presto, forse, sarebbero arrivate delle risposte.
Alaion Qiric  Dodgy

Elissa Hartfield  Rolleyes
Cita messaggio
#4
*...Elissa sembrava spontaneamente ignorare quello che era il suo non troppo comune retaggio.
Se lasciata nel limbo da sola, probabilmente sarebbe facilmente scivolata, il potere fa gola anche ai migliori e la tentazione è forte.
Aiutarla, almeno ad essere edotta su ciò che portava con se, le avrebbe dato cognizione di causa sulle scelte da intraprendere, rimettendo al centro l'ago della bilancia, sarebbe poi stata una sua libera scelta decidere la via da percorrere, una volta giunta al bivio...*
[Immagine: ou8tol.jpg]
Cita messaggio
#5
Elissa era parzialmente soddisfatta. Il "luminoso rettore" l'aveva principalmente rimproverata, ma aveva mandato giù il rospo per ora, sapendo che le serviva il suo appoggio per proseguire le ricerche. Marcus non si era interessato in prima persona alle vicende del suo passato e del "Patto" che evidentemente la legava a qualche entità, ma le aveva dato accesso alla biblioteca, e da lì sarebbe partita.

Il rettore era stato chiaro: poteva arrivare a capire da sola che tipo di entità era legata a lei, ma per il suo Nome avrebbe dovuto chiedere a qualcuno di più potente. Un mago, o magari chissà, quella studiosa, Isabella.

Alan era sembrato comprensivo, anche se aveva dovuto rivelare quel segreto... sperava non si diffondesse, o l'avrebbero vista con una luce diversa da ora.

Mentre si recava nella biblioteca di Elven's Crossing, Elissa pensò anche di scrivere una lettera a Saerloon, e chiedere che le venisse spedita almeno la sua genealogia nota. Visto mai che saltasse fuori qualcosa di interessante.

In biblioteca, Elissa chiese con gentilezza che le portassero tomi riguardanti storie di incantatori con poteri innati, o sorti a seguito di un patto con entità esterne di qualche genere. Voleva cercare storie come la sua, scoprire cos'era successo loro per capire lei stessa cosa aspettarsi. E soprattutto voleva capire a che tipo di entità questi uomini e donne si erano legate... magari le avrebbe dato un indizio per scoprire di più sul proprio "Patto".

Scrisse invece una lettera al fratello di sua madre, suo zio Emer Huantilar:

Caro zio,

Sono Elissa, figlia di Esther.

A malapena ricordo il tuo volto, l'ultima volta che ci siamo visti dovevo avere 6 o 7 anni. Sembra proprio un'eternità fa, vero?
So di essermene andata all'improvviso senza salutare nessuno, a Saerloon. Ti chiedo scusa e spero potrai capirmi, dopo tutto quello che è capitato alla mia famiglia, non potevo restare un solo giorno di più.

Devo chiederti però qualcosa di vitale importanza, e ti prego di rispondermi nel più breve tempo possibile. Mi sono successe cose strane ultimamente, e l'unica spiegazione che mi hanno saputo dare è che un nostro antenato, qualcuno nella famiglia, abbia stretto un patto con una potente entità esterna, e che questo patto abbia delle conseguenze su di me oggi. So che può sembrare folle, ma pensaci, potrebbe anche spiegare tutte le disgrazie che sono capitate ai miei genitori. L'unica cosa che ti chiedo è fornirmi, se riuscirai a trovarla, una genealogia il più possibile completa della nostra famiglia, e magari investigare se qualcuno dei nostri progenitori abbia potuto fare un patto così perverso e crudele con una creatura non di questo Piano.

Mi trovo ad Elven Crossing, nel Cormanthor, a centinaia di miglia da casa, ma ti assicuro che tutto sommato sto bene. Puoi spedire la risposta alla locanda qui, indirizzata a me.

Spero di rivederti presto.

Allego una cambiale di 100 monete d'oro per le spese che dovrai affrontare in questa tua piccola ricerca, spero basteranno.

Un abbraccio,

Tua nipote
Elissa Hartfield
Alaion Qiric  Dodgy

Elissa Hartfield  Rolleyes
Cita messaggio
#6
Passate diverse settimane giunse una lettera in locanda e consegnata ad Elissa Hartfield.

Cara nipote,
pur capendo il dolore per quanto accaduto ti invito a non viaggiare troppo con l'immaginazione.
La nostra famiglia non ha mai fatto cose simili e la nostra attività commerciale non ha nessun bisogno di essere screditata. Hai fatto bene a chiedere informazioni all'interno della famiglia ed è altrettanto bene che tu non diffonda alcuna supposizione che possa dar luogo a scandali.
Se sei vittima di qualche maleficio è meglio che tu vada da un sacerdote, sono certo che in qualche tempio ti sapranno aiutare.
con affetto
il tuo caro zio
Emer Huantilar
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)