Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
[DM Cyrano] Elfiche fregature
#1
Quattromila monete d’oro!

Roba da pazzi. Solo per avere il permesso di consultare la biblioteca, quella carogna del bibliotecario di Oghma a Myth Drannor aveva voluto la bellezza di mille monete d’oro. Poi, bello come il sole, aveva offerto i servizi di un accolito del tempio per aiutare a cercare quel che serviva, per la modica cifra di QUATTROMILA monete d’oro. E lo diceva come se fosse la cosa più naturale di questo mondo, col sorriso sulle labbra e quell’espressione serafica che hanno tutti quei dannati preti infervorati dalla propria fede.

E inutili erano stati tutti i tentativi per iniziare una trattativa.

Gram e Shedrimnes avevano rifiutato quell’aiuto così… disinteressato, per poi rendersi conto che per un esterno era praticamente impossibile trovare quel che cercava. La numerazione degli scaffali sembrava pensata da un hin ubriaco strafatto di erba del diavolo e nonostante, per puro caso, a Gram fosse venuta l’illuminazione di trovare il posto giusto dove cercare, non era stato sufficiente. La disposizione dei libri era ancor più incomprensibile della numerazione degli scaffali. La semplice logica o il comune buonsenso sembravano banditi da quella dannatissima biblioteca.

E Gram aveva tanto il sospetto che la cosa fosse voluta.  Pensar male sarà anche peccato, ma spesso la si azzecca, diceva qualcuno. Del resto quella carogna del bibliotecario doveva pur motivare l’esorbitante costo delle ricerche. In pratica aveva messo in piedi una truffa ai danni degli ignari, ingenui (e benestanti) intellettuali che visitavano il tempio per consultarne i manoscritti.
Un vero professionista.

E poi c’era chi dava del ladro a Gram…

Ma quella per il momento era l’ultima fregatura della serie.
Era tutto iniziato fuori Essembra, nella Valle delle Voci. Gram per caso si trovava con le Lame, per caso le Lame ne avevano combinata una grossa con gli elfi, e per caso ora si trovavano circondati da spettri elfici imbufaliti. Risultato: Gram e Nathan Lore erano crepati. Prima fregatura.

Evidentemente gli spettri si erano resi conto di aver commesso un piccolo errore ammazzando uno che non c’entrava nulla e avevano quindi dato il cadavere di Gram a Shedrimnes, che poi con l’aiuto di Darsa e del suo tempio era tornato in vita.

Ma, e questa era la seconda fregatura, gli spettri elfici avevano detto a Shedrimnes che lei e Gram dovevano presentarsi al loro cospetto entro una certa data, praticamente per sdebitarsi del fatto che Gram era ancora vivo. Poco importava per loro che fosse stato fatto secco per sbaglio proprio da loro. Ma andiamo avanti.
Le ragioni di Shed non le conosceva. Era un’elfa, e questo probabilmente spiegava tutto.

Una volta tornati al loro cospetto, gli spettri, con i loro modi solenni, avevano raccontato loro la terza fregatura di tutta questa storia, questa volta ai loro danni. Infatti si erano fatti rubare da sotto il naso una collana magica da un mezzelfo che era poi sparito. E chi sarebbe dovuto andare a cercarlo? Gram e Shedrimnes, ovviamente.

E la loro ricerca li aveva portati da quella carogna del bibliotecario di Myth Drannor…
[Immagine: 2j287zp.jpg]

Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)