Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Voci da Battledale
#41
Sembra che in serata nella piazza di Essembra si siano materializzate migliaia di monete d'argento, per le strade e anche nella fontana. La gente, incluse le guardie che non avevano ricevuto la paga nelle ultime settimane, si è precipitata a raccoglierle, riempiendosi le tasche. Pare ci siano state anche alcune risse, sedate da Edmund Horgath in persona. C'è chi dice che il sacerdote Rumevald di Bane abbia inseguito uno dei responsabili dell'elargizione e del caos risultante, ma senza riuscire a catturarlo.
[Immagine: firma_artemis.png]
Cita messaggio
#42
Battledale è nel caos: sembra che ieri, poco dopo il tramonto, due truppe separate abbiano marciato su Essembra. Il lord vassallo Garlak Sturnn, alla guida dei Manti Scarlatti, accompagnato da Julius Stain alla guida dei trovatori e da una truppa di soldati con le insegne dell'Abbazia della Spada di Tempus hanno marciato da sud, invitando le milizie regolari della valle ad arrendersi e consegnarsi al potere legittimo di Lord Ilmeth. Sembra però che inizialmente molti avessero visto questa marcia come una semplice lotta di potere tra Sturnn e lady Tabitha, pensando che il vassallo intendesse con Lord Ilmeth il giovane figlio della lady, promesso a sua figlia.

Pressocché contemporaneamente, un'altra truppa è arrivata da est, lungo la strada oscura. Circa un centinaio tra guerrieri e contadini armati alla meglio, che portavano gli stendardi di lord Ilmeth, guidati da un uomo in armatura scintillante, da un umano di nome Ethan Dundragon, da un elfo di nome Amarthion e da Ivor, un sacerdote di Ilmater. L'uomo in armatura scintillante è stato riconosciuto dalla popolazione come lord Ilmeth, il lord legittimo di Battledale che era stato creduto morto per gli ultimi cinque anni.

Le due truppe si sono unite, e ad esse si sono unite alcuni dei miliziani più anziani, dei popolani e degli avventurieri; insieme hanno sfondato le porte della città alta, che erano state sbarrate, e dopo aver combattuto contro alcuni drappelli di miliziani fedeli a lady Tabitha hanno sfondato le porte della magione. Qui sono stati ulteriormente attaccati da un individuo misterioso, che si mormora essere stato Aldric di Bane.

Il lord, seguito da un manipolo di fedeli e avventurieri, ha poi fatto irruzione nella magione: qui il comandante Edmund Horgath ha combattuto fino alla morte, mentre lady Tabitha è stata catturata e condotta nelle segrete insieme ad alcune delle sue guardie personali che si sono arrese.

Lord Ilmeth ha nominato Duncan Lietson, sulla cui testa vi era una taglia, nuovo comandante della Milizia di Battledale. Non è ancora dato sapere cosa ne sia stato di Zak'har Vermath, sacerdote personale di lady Tabitha.

Successivamente si è recato alla locanda dell'occhio vigile, dove ha incontrato suo figlio per la prima volta.

Oggi Battledale si è risvegliata felice ma confusa: non ci sono guardie per le strade, i cancelli sono ancora sfondati e qualcuno ha approfittato della confusione generale per compiere piccoli furti e razzie nelle bancarelle abbandonate e nelle case vuote. 

Lord Ilmeth non ha ancora parlato ufficialmente alla popolazione, ma tutti sono fiduciosi che presto la situazione tornerà alla normalità.
[Immagine: firma_artemis.png]
Cita messaggio
#43
Lord Ilmeth ha parlato alla popolazione: le taglie su Duncan Lietson e Mischa Chaine sono state ritirate, ed è stato annullato l'ordine di coscrizione.

Tutte le altre decisioni prese da Tabitha Horgath, il cui matrimonio con il lord è in corso di annullamento, saranno riviste e revisionate. E' stata annunciata la prossima realizzazione di un santuario dedicato a Helm all'interno della magione, che sarà accessibile a tutti.

Il Lord ha inoltre nominato Cavalieri di Battledale le seguenti persone:

Julius Stain, Nashan Goldenbow, Vizar, Anthony Webber e Wren della Compagnia dei Trovatori
Ethan Dundragon
Gli elfi Amarthion e Shedrimnes
Valen Blake di Tyr
Fratello Ivor di Ilmater

per il loro servizio a Battledale.
[Immagine: firma_artemis.png]
Cita messaggio
#44
All'alba i cittadini di Essembra si svegliano con una novità: l'enclave thayan ha chiuso i battenti da un giorno all'altro. C'erano state delle voci a riguardo del fatto che il ritorno del lord avrebbe potuto significare problemi per i rossi, che hanno visto i loro affari paralizzati dall'invalida del contratto stipulato con la lady e che evidentemente non sono riusciti a incontrare il favore della nuova reggenza con qualche accordo. La chiusura repentina si accompagna a una breve nota in bacheca esterna ben visibile a chiunque:


L'enclave di Essembra ringrazia la valle e la sua autorità per l'opportunità concessa.
Questi anni di permanenza a Battledale sono stati utili e formativi con molteplici soddisfazioni.

Khazark Thraskir dell'invocazione Larnov Sebastis
Nishkir della divinazione Daleskaya Beshraim
Draxkir dell'abiurazione Parvel Csarkos
Barakir della necromanzia Sek Nefer


Il resto dell'edificio è chiuso e nessuno aveva visto i maghi rossi dal giorno del discorso del lord, perciò i più vociferano che se ne siano andati secondo chissà quale magia. A qualcuno dispiace non poter acquistare i loro oggetti tutto sommato di un certo valore, altri commentano sollevati di non avere più a che fare con la loro intricatissima burocrazia. Rimane vacante anche la cattedra detenuta da Beshraim presso la scuola di magia Dennin in Teoria ed Etica della Ricerca.
[Immagine: A2Fij50.jpg]
Cita messaggio
#45
La benestante famiglia Von Etheridge sembra aver tenuto un ricevimento per celebrare il rientro a casa della figlia Henrietta dopo oltre un anno di assenza. La cena, offerta a una cerchia ristretta di ospiti locali e stranieri, è il primo evento mondano tenutosi a Essembra dal ritorno del Lord.
[Immagine: A2Fij50.jpg]
Cita messaggio
#46
Dopo mesi di intense contrattazioni con il Ducato di Arcata, oggi a Battledale è giunto un drappello di soldati Damaran del duca, pronto a scortare Tabitha Horgath e le spoglie di suo fratello Edmund Horgath nella Damara. Sebbene non vi siano state conferme ufficiali, sembra che il Ducato di Arcata abbia pagato un sostanzioso riscatto in cambio di tale restituzione. Quello che invece è stato confermato è l'annullamento ufficiale del matrimonio tra lord Ilmeth e Tabitha, e l'esilio perpetuo alla donna e a tutta la sua famiglia dal territorio di Battledale.
[Immagine: firma_artemis.png]
Cita messaggio
#47
Alcune voci giungono dai cacciatori di Battledale. Pare che gli animali abbiano iniziato a tenersi molto alla larga dalla magione di Aencar; ben più del solito. Un paio di coraggiosi han provato ad avvicinarsi ma raccontano di non esserci riusciti per la "strana sensazione che la magione emanava anche solo a guardarla a distanza". Alcune vecchie comari hanno cominciato  adire che "il vecchio Aencar si starà agitando".
[Immagine: firma_cyrano.png]
Show ContentSpoiler:
Cita messaggio
#48
Sembra che un commerciante proveniente dal Vaasa, Kosef Starag, si sia in questi giorni trasferito a Essembra con la moglie e i figli. Si dice che l'uomo, attualmente dedito all'importazione di prodotti tipici del Vaasa, abbia un passato da ufficiale nell'esercito della sua nazione d'origine.

I pochi Damaran rimasti a Essembra non sembrano molto felici della notizia, visti i trascorsi delle due nazioni; c'è chi invece si chiede se riprenderà le sue attività militari, addestrando uomini od offrendo supporto a Lord Ilmeth.
[Immagine: firma_artemis.png]
Cita messaggio
#49
Pare che la genasi del fuoco Darsa Naur abbia di recente aperto un negozio di oggetti magici proprio nelle vicinanze del tempio di Kossuth, la "Scintilla Arcana". Anche se ancora non vi è stata una formale inaugurazione, il negozio è già aperto al pubblico.
[Immagine: firma_artemis.png]
Cita messaggio
#50
Sembra che una delle figlie del locandiere dell'Occhio Vigile, Baernysse, sia scomparsa da qualche giorno. Né il padre né il fidanzato parlano di cosa sia successo, ma la loro preoccupazione è evidente.
[Immagine: firma_artemis.png]
Cita messaggio


Vai al forum:


Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)